Blog: http://loumogghe.ilcannocchiale.it

Federalismo=Cazzata (anatomicamente parlando)

Il concetto di Federalismo Fiscale fortemente voluto dalla Lega Nord, lo ha riassunto efficacemente qualche giorno fa il nuovo presidente della Regione Veneto, nonché quasi ex Ministro per politiche agricole, Luca Zaia: “Le tasse che fino ad ora abbiamo mandato a Roma (ladrona?) adesso rimarranno in mano nostra”.
Tuttavia questo federalismo è una gran bella cazzata illogica e controproducente … ed a suggerirlo è l’anatomia umana.

Il corpo umano, a meno che non venga colto da una qualche malattia, è senza ombra di dubbio una macchina perfetta: il cuore pompa sangue (e con esso trasporta nutrienti, ossigeno, calore, etc.) a tutto il corpo, i polmoni prendono l’ossigeno (e rimuovono l’anidride carbonica) per tutto il corpo, l’intestino assorbe i nutrienti che serviranno da sostentamento a tutti gli altri organi, il fegato metabolizza quei nutrienti, l’apparato locomotore sorregge il peso del corpo, la cute protegge il tutto dalle insidie dell’ambiente esterno ed infine il cervello coordina tutti quanti: ciascuno organo quindi lavora in piccola parte per se stesso ed in gran parte per tutti gli altri.
Ora, se ad esempio dopo un abbondante pasto l’apparato gastrointestinale richiede un maggior apporto sanguigno, il cervello interviene reindirizzando una maggiore frazione ematica in quella sede momentaneamente a scapito di altri organi … così come, al contrario, durante una corsetta una maggior frazione ematica viene riservata ai muscoli a scapito di altri organi interni. Nessun organo o apparato svolge il proprio compito solo per se stesso.

Ebbene, fatta questa premessa, arrivo al punto: penso possa definirsi indubbio che, malgrado se ne discuta da anni, nel nostro paese ancora continui a sussistere una questione meridionale in cui una parte importante del nostro “corpo nazionale" necessita dell’impiego di maggiori risorse rispetto ad altri “organi” … è quindi logico a questo punto operare come tante unità a se stanti?


P.S. è molto interessante a tal proposito quanto detto intorno al 4° minuto di questo filmato.

Pubblicato il 3/4/2010 alle 15.54 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web