.
Annunci online



Perchè la vicenda dei Marò a me è andata sulle palle

Uno dei peggiori difetti che abbiamo noi italiani è la cieca difesa dell'italianità in maniera improduttiva. Dico “improduttiva” perché noi non la difendiamo quando è giusto che sia difesa (chessò, quando c'è da fare qualche battaglia contro lo stupro della nostra Repubblica, per esempio). Nossignore! Noi difendiamo l'italianità solo per partito preso e quando non c'è da scomodarsi: quello che è italiano è buono e bello … per definizione (il che sottende che, alla fin fine, tutto quello che non lo sia sia sistematicamente peggiore). E' un po' come quando noi andiamo all'estero. Noi italiani non siamo quasi mai pienamente in grado di godere appieno delle bellezze del posto che in quel momento ci sta ospitando. Siamo vittime de “la sindrome del percarità” … ovvero quel comportamento, tipico dell'italiano, che quando visita un monumento straniero la sua prima reazione è “per carità, bello eh?! … ma vuoi mettere col Colosseo, Piazza di Spagna, Palazzo Vecchio, il Ponte di Rialto, il Cuppolone, etc. etc. ?!”
Questo atteggiamento noi l'abbiamo esteso anche ai Marò. Di per se questa vicenda a me non avrebbe dato fastidio … paradossalmente mi è andata sulle palle proprio per via della reazione collettiva ad essa.
Il fatto, nudo e crudo qual è? Due pescatori sono stati uccisi!
Ora il compito di un tribunale sarà quello di vedere se tutto questo è stato fatto con un comportamento colpevole, se sia avvenuto per errore o se del tutto giustificato. Ebbene, a me ha dato subito fastidio che l'Italia nella sua interezza abbia in automatico assolto queste due persone, in definitiva, solo perché italiane e quindi buone e belle (e innocenti) … per definizione.
Se poi vogliamo parlare della vergogna (in questo caso sì) della lungaggine indiana, ok … ma anche in questo caso, fossimo stati tedeschi, francesi, inglesi, etc. ok, ma proprio noi italiani dobbiamo andarci coi piedi di piombo anche in quest'ambito visto che non mi sembra che la giustizia italiana sia particolarmente rapida (ricordo che il tempo medio di una causa civile è di 7 anni).
Qualche giorno fa il ministro Mauro, ospite su RaiUno, ha addirittura innalzato i due Marò a esempio per i giovani. Ditemi voi se è normale. Anche qualora innocenti … eleggere due persone che hanno comunque ucciso altre due persone (anche se involontariamente e quindi innocenti, lo ripeto) a esempio a me sembra assolutamente aberrante!
Eppoi, proprio perché ho imparato a vedere come vanno le cose qui da noi, mi permetto persino di fare due pensieri cattivi (di cui uno è una previsione): il primo, quello cattivo, è che uccidere questi due pescatori, in un modo o nell'altro, è stata la loro fortuna. In questo momento saranno serviti e riveriti nell'ambasciata italiana e sono ragionevolissimamente convinto che le rispettive famiglie hanno ricevuto e continueranno a ricevere lautissimi stipendi. Il secondo, la previsione, è che siccome questa vicenda è diventata una questione internazionale alla fine (finita la campagna elettorale in India … e quindi a occhio e croce ci vorranno altri 6 mesi/ 1 anno) si risolverà con un nulla di fatto (in nome del quieto vivere fra i due paesi e i loro vicendevoli rapporti economici) e quando torneranno qui verranno passati di grado (ma questo è il meno) e, cosa più antipatica, verranno candidati nei listini bloccati (che nel frattempo saranno passati)(quindi due sicuri nostri parlamentari) tra le fila di Forza Italia o di qualche altro partito che farà fronte comune con esso (ovvero Fratelli d'Italia)(loro due da soli adesso valgono almeno 2-3% puliti puliti).
Ecco spiegato perché questa vicenda a me dà la nausea.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. morò italianità italiani forza italia

permalink | inviato da Lou Mogghe il 18/2/2014 alle 13:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


L'italianità applicata al Nucleare

Tornare al nucleare secondo me è una minchiata! E non me ne fotte una benemerita mazza se per esempio gli USA, Canada, India, Cina, etc. stanno costruendo nuovi reattori … non sempre si deve (può) attribuire credito ad un’azione solo perché viene compiuta anche da altri.
Non me ne fotte una mazza che tanto se dovesse succedere un incidente in Francia o Slovenia noi saremo coinvolti ugualmente quindi tanto vale utilizzarla anche noi perché è un ragionamento stupido è un po’ come dire che mettersi alla guida di un auto da ubriachi non è pericoloso perché tanto anche da sobri correremo comunque il rischio di essere coinvolti in un incidente causato da un ubriaco alla guida. Inoltre, checché se ne dica, oggi di soluzioni alternative ed esaustive ce ne sono molte e per potersene rendere conto non bisogna nemmeno avere una così grande immaginazione.
Inoltre per noi italiani in particolare il nucleare non è una scelta giusta anche per un’altra ragione: il fattore X nostrano: l’italianità!!! Voi direte: e che c’entra adesso l’italianità?
C’entra eccome! … perché una centrale nucleare qui da noi ovviamente verrebbe gestita da italiani: ovvero un popolo che quello su cui mette mano fa diventare merda. Attenzione, io qui non parlo delle singole persone, perché la nostra nazione è composta anche da una miriade di persone che, prese singolarmente, sono fantastiche … ma ne presenta ben parecchie di più che quando si uniscono inconsapevolmente a formare un tutto, formano un qualcosa di socialmente distruttivo: un qualcosa che si muove solo per parentele, raccomandazioni, per mazzette, per appalti truccati, per “mors tua vita mea”, “tanto qui fanno tutti così”, etc. … inoltre un esempio di italianità applicata al nucleare in passato l’abbiamo già visto e lo ritroviamo qui in questo video (orientativamente verso i 7 minuti) ... e a me già immaginare l'italianità nella gestione di una centrale nuclare basterebbe per metterci una pietra sopra.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. italianità nucleare

permalink | inviato da Lou Mogghe il 5/1/2011 alle 14:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa