.
Annunci online



Il nucleare ed i guadagni di Maria Cazzetta

Per fortuna il referendum c'ha poi messo una pezza, però prima di questa svolta, una delle cazzate ripetute più spesso a sostegno dell'energia nucleare “pulita” era che il suo impiego su larga scala avrebbe contribuito a rendere il nostro paese meno vincolato al consumo del petrolio abbattendo al contempo le emissioni di CO2 … e per passare al nucleare ci eravamo affidati ad un paese che è a tutt'oggi leader indiscusso nel settore, non sono certo io a scoprirlo, ovvero la Francia.
Ora, domanda, se la Francia ha un così largo impiego di energia nucleare (97% del suo fabbisogno energetico o giù di lì) (e che quindi si presume debba essere abbastanza indipendente dall'utilizzo del petrolio) come mai si è prodigata e continua a farlo in maniera così veemente sulla Libia (del cui petrolio storicamente prima non ne vedeva una goccia) iniziando una guerra di liberazione quando ancora la comunità internazionale era divisa, organizzando i vari summit sul post Gheddafi e adesso reclamando sottovoce l'utilizzo di almeno il 30% della produzione libica?! Ma non erano indipendenti dal petrolio?! E allora tutta questa foga da cosa è motivata?
Semplice! Col petrolio, è ovvio, non ci si fa solo corrente elettrica (sarei sciocco a pensarlo) però la verità è che nel nucleare, anche se nella parte terminale del processo l'oro nero c'entra poco, in generale in quella che è la “filiera del nucleare” c'entra eccome!... e neanche poco. Tempo addietro lessi un articolo su “MicroMega” (nel numero di Gennaio 2009) che, senza tanti preamboli, metteva in bella mostra un dato interessante (che adesso sarà approssimativo perché vado a memoria ... ma se siete curiosi di saperlo con esattezza non dovete far altro che ordinarvi on-line il numero arretrato):
L'Italia col suo vincolo al petrolio consuma qualcosa come 82 miliardi di barili l'anno per produrre energia elettrica inquinante.
La Francia invece, con la sua indipendenza dal petrolio e grazie e al nucleare pulito...ha abbattuto così tanto l'utilizzo del petrolio che consuma qualcosa come 93 miliardi di barili di oro nero all'anno per produrre energia pulitissima: alla faccia dell'indipendenza!
Dalle mie parti si usa dire: “i guadagni di Maria Cazzetta!”

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. italia francia petrolio nucleare libia

permalink | inviato da Lou Mogghe il 11/10/2011 alle 11:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


Piccola Postilla Estemporanea

Anche qui da noi, in Italia, pian piano si stanno diffondendo le Assicurazioni Sanitarie. E' di oggi poi questa notizia. Ebbene: occhio! ... perchè questa è la modalità con la quale, anche dal punto di vista sanitario, ce lo stanno infilando lentamente nel sedere!

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. italia assicurazioni sanità sedere

permalink | inviato da Lou Mogghe il 29/6/2010 alle 9:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


Imparare dagli altri

Come ovviamente ogni persona sulla faccia della terra saprà, Barack Obama è il nuovo presidente degli USA: ovvero il figlio di un keniano trapiantato negli States e di una signora del Kansas di origini irlandesi ha conquistato la presidenza: chapeau!
Perché “chapeau!” per gli americani???
Perché a prescindere dai colori della pelle e dai vari gradi di abbronzatura del candidato, dubito fortemente che noi italiani, con la nostra dose di razzismo latente nelle vene, saremo pronti, chessò…magari fra una quarantina d’anni, ad eleggere solo sulla base delle sue idee un tizio venuto dal nulla con un nome tipo…Giulio Monteanu (nome ovviamente di fantasia) nato dall’unione di un rumeno con un’italiana, quindi…
…sulla base di ciò, ancora una volta, chapeau!

(e ho pure fatto quasi la rima)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. italia usa obama romania kansas

permalink | inviato da Lou Mogghe il 9/11/2008 alle 16:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


Piccola riflessione buttata, come si dice a Roma, in "caciara"!

In Italia c'è una strana tendenza...quella di ritrarre, di volta in volta, una categoria come "cattiva": una volta i farmacisti, un'altra volta i tassisti, un'altra ancora gli statali, in questi giorni piloti ed hostess ex Alitalia.
Innanzi tutto trovo ridicola la pretesa, politicamente trasversale, di alcuni bloggers di voler quasi costantemente lezionare gli altri su vicende di cui, fondamentalmente e con tutta probabilità, non ne conoscono una benemerita ceppa.
In secondo luogo mi chiedo se coloro i quali formulano con tanta facilità questi giudizi poco benevoli nei confronti degli altri accoglierebbero di buon grado una loro ipotetica riduzione di stipendio del 30%* per tamponare perdite dovute alla malagestione di altri...

*oltre alla revisione dei termini contrattuali