.
Annunci online



Quando l'informazione è di merda!

Il giorno 4 febbraio 2008 alcune truppe NATO italiane hanno effettuato un raid contro alcuni talebani, uccidendoli. Nel condurre questa azione, i nostri militari hanno anche fatto vittime civili: donna/e e bambino/i.
Questa notizia non è stata documentata da nessuno degli organi di stampa maggiori. (sebbene la fonte primaria fosse più che attendibile: “France Press”).
Oggi invece è stato un militare italiano a morire ed ecco a noi, dopo pochi minuti, già la notizia pronta ed impacchettata: ad esempio QUI o QUI solo per riportare i due quotidiani maggiori.

Quindi ricapitoliamo: quando sono gli italiani ad uccidere (sia che le vittime siano talebani o donne o bambini) va tutto bene e la notizia non è degna di nota…quando invece a morire è un italiano: prime pagine. Tutto questo perché noi italiani siamo i più belli, i più buoni, i più bravi, siamo brava gente, non facciamo male a nessuno, non siamo razzisti per natura, e poi oh!...la Ferrari, la pizza e gli spaghetti sono italiani, mica cazzi!

P.S. facciamo a capirci: a me dispiace per questo ragazzo che è morto oggi e, personalmente, non ce l’ho con loro (italiani, americani, inglesi etc. che siano) che sono lì. Io ce l’ho con chi ce li ha mandati e con chi ce li ha continuati a far stare.