.
Annunci online



Pensiero low-cost sulla vicenda Alitalia

Ovviamente riguardo la vendita di “Alitalia” non posso certo parlare da esperto del settore e quindi non posso neanche opportunamente giudicare (per quel quasi nulla che ci è stato riferito) i due piani aziendali presentati dai possibili acquirenti…però, riguardo la decisione presa l’altro ieri dal consiglio di amministrazione (privilegiando la compagnia franco-olandese rispetto a quella di Carlo Toto), sinceramente può non andarmi troppo a genio il fatto che infondo così facendo la nostra compagni di bandiera, di fatto, non sarà più italiana…ma per il resto tra le opzioni in lizza io ho fatto il tifo, anche se molto timidamente, proprio per “Air France–Klm”…perché: tanto per iniziare penso che il compito di un governo non sia quello di pensare direttamente e primariamente al bene di un’azienda ma al bene delle persone…ed in questa ottica le aziende (e la loro salute) sono solo “un mezzo” per perseguire tale obiettivo. Un mezzo che quindi serve a creare le condizioni per poter far sì che le persone lavorino e quindi possano vivere agiatamente…ed il piano “Air France-Klm” è quello che prevede meno esuberi, di conseguenza meno licenziamenti e quindi ritengo che sia quasi d’obbligo tener conto di questa cosa…
In secondo luogo “Air One” è una compagni aerea “di medio-piccola grandezza” con un fatturato annuo (non ricordo con esattezza le cifre) non superiore ai 611 milioni di euro che vorrebbe rilevare, con l’appoggio di “Intesa-San Paolo”, una società con un ammanco di svariati e svariati (e ancora svariati) miliardi di euro…il che suona un po' strano e non mi ispira particolare fiducia...
Ora, non so voi, ma io sono sempre stato del parere che i banchieri debbano fare le banche, gli editori debbano fare i giornali, e così via. Sono anche del parere che l’Italia sta andando sempre più allo sfascio proprio perché si è permesso troppo alle banche (e ai loro interessi) di incunearsi in ogni settore, dall’editoria alla politica passando per le telecomunicazioni e le autostrade…per questo, “a pelle”, preferisco che ad occuparsi di aerei sia una compagnia che faccia questo a tempo pieno e non che debba rispondere anche ad una banca (ed ai suoi relativi interessi)…e per far questo si è scelta la più grande compagni al mondo per fatturato e la terza per numero di passeggeri trasportati…non certo il primo arrivato…

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. alitalia airfrance klm airone banche

permalink | inviato da Lou Mogghe il 23/12/2007 alle 12:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa