.
Annunci online



Perchè la vicenda dei Marò a me è andata sulle palle

Uno dei peggiori difetti che abbiamo noi italiani è la cieca difesa dell'italianità in maniera improduttiva. Dico “improduttiva” perché noi non la difendiamo quando è giusto che sia difesa (chessò, quando c'è da fare qualche battaglia contro lo stupro della nostra Repubblica, per esempio). Nossignore! Noi difendiamo l'italianità solo per partito preso e quando non c'è da scomodarsi: quello che è italiano è buono e bello … per definizione (il che sottende che, alla fin fine, tutto quello che non lo sia sia sistematicamente peggiore). E' un po' come quando noi andiamo all'estero. Noi italiani non siamo quasi mai pienamente in grado di godere appieno delle bellezze del posto che in quel momento ci sta ospitando. Siamo vittime de “la sindrome del percarità” … ovvero quel comportamento, tipico dell'italiano, che quando visita un monumento straniero la sua prima reazione è “per carità, bello eh?! … ma vuoi mettere col Colosseo, Piazza di Spagna, Palazzo Vecchio, il Ponte di Rialto, il Cuppolone, etc. etc. ?!”
Questo atteggiamento noi l'abbiamo esteso anche ai Marò. Di per se questa vicenda a me non avrebbe dato fastidio … paradossalmente mi è andata sulle palle proprio per via della reazione collettiva ad essa.
Il fatto, nudo e crudo qual è? Due pescatori sono stati uccisi!
Ora il compito di un tribunale sarà quello di vedere se tutto questo è stato fatto con un comportamento colpevole, se sia avvenuto per errore o se del tutto giustificato. Ebbene, a me ha dato subito fastidio che l'Italia nella sua interezza abbia in automatico assolto queste due persone, in definitiva, solo perché italiane e quindi buone e belle (e innocenti) … per definizione.
Se poi vogliamo parlare della vergogna (in questo caso sì) della lungaggine indiana, ok … ma anche in questo caso, fossimo stati tedeschi, francesi, inglesi, etc. ok, ma proprio noi italiani dobbiamo andarci coi piedi di piombo anche in quest'ambito visto che non mi sembra che la giustizia italiana sia particolarmente rapida (ricordo che il tempo medio di una causa civile è di 7 anni).
Qualche giorno fa il ministro Mauro, ospite su RaiUno, ha addirittura innalzato i due Marò a esempio per i giovani. Ditemi voi se è normale. Anche qualora innocenti … eleggere due persone che hanno comunque ucciso altre due persone (anche se involontariamente e quindi innocenti, lo ripeto) a esempio a me sembra assolutamente aberrante!
Eppoi, proprio perché ho imparato a vedere come vanno le cose qui da noi, mi permetto persino di fare due pensieri cattivi (di cui uno è una previsione): il primo, quello cattivo, è che uccidere questi due pescatori, in un modo o nell'altro, è stata la loro fortuna. In questo momento saranno serviti e riveriti nell'ambasciata italiana e sono ragionevolissimamente convinto che le rispettive famiglie hanno ricevuto e continueranno a ricevere lautissimi stipendi. Il secondo, la previsione, è che siccome questa vicenda è diventata una questione internazionale alla fine (finita la campagna elettorale in India … e quindi a occhio e croce ci vorranno altri 6 mesi/ 1 anno) si risolverà con un nulla di fatto (in nome del quieto vivere fra i due paesi e i loro vicendevoli rapporti economici) e quando torneranno qui verranno passati di grado (ma questo è il meno) e, cosa più antipatica, verranno candidati nei listini bloccati (che nel frattempo saranno passati)(quindi due sicuri nostri parlamentari) tra le fila di Forza Italia o di qualche altro partito che farà fronte comune con esso (ovvero Fratelli d'Italia)(loro due da soli adesso valgono almeno 2-3% puliti puliti).
Ecco spiegato perché questa vicenda a me dà la nausea.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. morò italianità italiani forza italia

permalink | inviato da Lou Mogghe il 18/2/2014 alle 13:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


5 miliardi nostri buttati nel cesso: Grazie Silvio!

Quando dico che chi ancora oggi (2013!) vota Berlusconi secondo me non capisce un cazzo, non lo dico con cattiveria o per mera voglia di offendere qualcuno … ma lo dico sulla base di 20 anni di disgrazie.
Inoltre, siccome non siamo più nel 1994 (quando, volendo, poteva essere ancora visto come un voto dato nella speranza di poter vedere qualcosa di diverso rispetto a quanto visto dalla politica italiana fino a quel momento) il continuare a perpetrare un voto palesemente di merda è diabolicamente stupido.
Ma comunque non voglio spendere ulteriori parole su questo aspetto (infondo 20 anni rappresentano un lasso di tempo tale da togliermi dalla testa ogni idea riguardo il tentativo di provare a far ragionare chi del ragionare non ne vuol sentir parlare) quindi mi limiterò a portare un esempio, l'ennesimo:
Potevamo accettare un accordo che prevedesse meno esuberi, meno casse integrazioni ed i debiti pagati dal compratore??? Nossignore!!!
Noi, grazie a Silvio, abbiamo preferito un piano che prevedesse più esuberi, più casse integrazioni ed i debiti pagati coi soldi nostri per dare comunque tutto allo stesso compratore di prima.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi alitalia grazie airfrance

permalink | inviato da Lou Mogghe il 24/9/2013 alle 16:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


Il centro-sinistra è moralmente superiore

Leggendo gli ultimi sondaggi scopro ( … visto il voto di febbraio, non che fosse così difficile prevederlo) che la coalizione di centro-destra è tornata ad essere quella col maggior numero di preferenze. Questo mi da spunto per prendere un argomento, ovvero: quello che attribuirebbe un superiorità morale alla sinistra sulla destra. Ebbene, vi devo confessare che in questa superiorità ci credo pure io! Questo tuttavia non penso sia un valore intrinseco quanto piuttosto una valore che risiede nell'elettorato.
A sinistra, dal 94 ad oggi (anche se forse solo in una sorta di avvicendamento di facciata) si sono avvicentati alla leadership Prodi, Amato, D'Alema, Rutelli, Fassino, Franceschini, Veltroni … e anche a prescindere dalla leadership, i nomi politici di primo piano a far da sparring partens sono stati tanti e si sono avvicendati nel tempo, motivo? Perchè l'elettore medio di centro-sinistra dopo un po' si rompe le palle di mettere la crocetta sul nome di uno che ha fatto poco, male e che ha inciuciato a destra e a manca … quindi poi loro perdono le elezioni perché non vengono votati e sono costretti a cambiare il candidato (ripeto, magari è anche un cambiamento di facciata … visto che lo zoccolo duro della dirigenza sta sempre lì fisso e inamovibile … ma c'è)
A destra no! Passano gli anni (adesso sono 19, mica cazzi) ma il nome di spicco è e rimane sempre lo stesso: Berlusconi!
Inciucia, governa di merda, ruba, fa legge oscene (che secondo me anche l'elettore medio di centro-destra riconoscerebbe come oscene se non fosse trincerato mentalmente nel tifo della sua squadra politica del cuore) rende ridicola l'istituzione che ricopre e di conseguenza l'Italia nel mondo … e lui (elettore medio di centro-destra) che fa??? Lo rivota!
Ecco, ditemi quello che vi pare, ma (ripeto) non per un valore intrinseco delle rispettive opinioni e visioni ma per questo tipo di approccio dei rispettivi elettorati il centro-sinistra è nettamente moralmente superiore


Eroe una sega!

Rieccomi qui dopo tanto tempo, di nuovo a perder tempo con questo blog :)

Io non vorrei fare sempre "bastian contrario" ... il fatto è che a me sembra che oggi quasi ci si sforzi di dire stronzate.
Ieri per esempio era un anno esatto dal naufragio della Costa Concordia.
Mentre ero a pranzo, al tg1 è apparso il comandante De Falco (quello del "salga a bordo cazzo!") che veniva ritratto come un eroe. Lui stesso con finta modestia ha rilasciato una dichiarazione del tipo "non sono un eroe, ho fatto soltanto il mio lavoro" (... o qualcosa di simile. Stavo mangiando e non è che ci abbia dedicato chissà quale attenzione). Ricordo anche che l'anno scorso, a ridosso del naufragio, c'erano commenti su facebook del tipo: "De Falco rappresenta l'Italia migliore!" e altre puttanate simili.
Ora, domanda: ma voi ve lo immaginate se così, all'improvviso, un pilota di un Boeing 777 decidesse di volare radente per fare "l'inchino" ad una qualche città cosa succederebbe? Pensate che dalla torre di controllo non gli direbbero (magari con linguaggio tecnico e formale, ma la sostanza sarebbe quella) qualcosa del tipo: "a bello, ma che cazzo stai a ffà?!?!?!"
Ecco! Stessa cosa!
Quindi, domanda successiva: De Falco, l'eroe della patria, quello che in quel dato momento era in servizio alla capitaneria di porto competente, che cosa stava facendo mentre sul radar c'era la più grande nave italiana per dislocamento in acqua che si dirigeva verso un tratto di mare dove per legge non sarebbe dovuta passare???
Evidentemente una beata minchia!
Poi è successo quello che è successo e per recuperare ha fatto quelle telefonate giocando a "qui comando io" (registrandole e, guarda caso, qualcuno si è pure preso la briga di consegnare subito il nastro della registrazione ai giornalisti già all'indomani dell'incidente per pubblicarle ... guarda un po') oscurando completamente le proprie mancanze.
Fossi stato io un magistrato, avrei inquisito De Falco quasi al pari di Schettino, altro che gli allori dell'eroe!

P.S. Anche perchè se non fosse successo nulla, se la Concordia avesse fatto l'inchino senza problemi, nessuno avrebbe preso alcun provvedimento nei confronti di un capitano che avrebbe comunque fatto una manovra fuori legge per un natante di quelle dimensioni: la solita Italia!

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. eroe concordia de falco schettino

permalink | inviato da Lou Mogghe il 14/1/2013 alle 10:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


Le colpe dei governi Berlusconi

Nel 94' è stata colpa di Bossi (all'epoca non si sono voluti propriamente bene),
Poi è stata colpa della sinitra "estrema" (Bertinotti, estremo? Bah! Punti di vista),
Poi è stata colpa di Casini che non ha permesso all'allora maggioranza (CdL) di fare appieno (a suo dire) l'azione di Governo,
Poi la colpa è stata dei giustizialisti dell'Idv,
Poi è stata colpa del PD perchè tra le sue fila presenta ex commmmunisti,
Poi è stata colpa della magistratura che (sempre a suo dire) lo ha perseguitato e lo continua a perseguitare,
Poi è stata colpa della stampa di sinistra (quella di destra del resto è di sua proprietà) che denigra l'immagine dell'Italia nel mondo,
Poi di recente è stata colpa di Fini che ha impedito alla maggioranza l'azione di governo,
Adesso è colpa dell'€uro che non ha convinto,
Per lui è sempre colpa di qualcun'altro, mai mai e poi mai la sua.
Ma chi c'è stato e chi c'è al governo? Io? Noi?...o lui?
Ma non sarà lui che questa piaga d'uomo ha rotto veramente i coglioni e che non è buono a fare nulla all'infuori degli affari suoi?!

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. colpe berlusconi fini casini pd bossi

permalink | inviato da Lou Mogghe il 31/10/2011 alle 21:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


Il nucleare ed i guadagni di Maria Cazzetta

Per fortuna il referendum c'ha poi messo una pezza, però prima di questa svolta, una delle cazzate ripetute più spesso a sostegno dell'energia nucleare “pulita” era che il suo impiego su larga scala avrebbe contribuito a rendere il nostro paese meno vincolato al consumo del petrolio abbattendo al contempo le emissioni di CO2 … e per passare al nucleare ci eravamo affidati ad un paese che è a tutt'oggi leader indiscusso nel settore, non sono certo io a scoprirlo, ovvero la Francia.
Ora, domanda, se la Francia ha un così largo impiego di energia nucleare (97% del suo fabbisogno energetico o giù di lì) (e che quindi si presume debba essere abbastanza indipendente dall'utilizzo del petrolio) come mai si è prodigata e continua a farlo in maniera così veemente sulla Libia (del cui petrolio storicamente prima non ne vedeva una goccia) iniziando una guerra di liberazione quando ancora la comunità internazionale era divisa, organizzando i vari summit sul post Gheddafi e adesso reclamando sottovoce l'utilizzo di almeno il 30% della produzione libica?! Ma non erano indipendenti dal petrolio?! E allora tutta questa foga da cosa è motivata?
Semplice! Col petrolio, è ovvio, non ci si fa solo corrente elettrica (sarei sciocco a pensarlo) però la verità è che nel nucleare, anche se nella parte terminale del processo l'oro nero c'entra poco, in generale in quella che è la “filiera del nucleare” c'entra eccome!... e neanche poco. Tempo addietro lessi un articolo su “MicroMega” (nel numero di Gennaio 2009) che, senza tanti preamboli, metteva in bella mostra un dato interessante (che adesso sarà approssimativo perché vado a memoria ... ma se siete curiosi di saperlo con esattezza non dovete far altro che ordinarvi on-line il numero arretrato):
L'Italia col suo vincolo al petrolio consuma qualcosa come 82 miliardi di barili l'anno per produrre energia elettrica inquinante.
La Francia invece, con la sua indipendenza dal petrolio e grazie e al nucleare pulito...ha abbattuto così tanto l'utilizzo del petrolio che consuma qualcosa come 93 miliardi di barili di oro nero all'anno per produrre energia pulitissima: alla faccia dell'indipendenza!
Dalle mie parti si usa dire: “i guadagni di Maria Cazzetta!”

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. italia francia petrolio nucleare libia

permalink | inviato da Lou Mogghe il 11/10/2011 alle 11:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa